fbpx

Germania, arriva la batteria che si ricarica con la paglia

paglia

Dalla Germania arriva un’idea davvero rivoluzionaria. I ricercatori del Fraunhofer Institute hanno sviluppato un’innovativa biobatteria grazie al miglioramento dell’efficienza di un impianto a biogas.

Questa biobatteria è in grado di produrre energia elettrica alimentandosi con numerose materie prima come scarti vegetali, escrementi animali, frammenti di legname o paglia.

Il settore del biogas è altamente sviluppato in Germania e fornisce un’energia totale di 3,75 Gw con circa otto mila impianti.

A causa delle limitate quantità di sostanze organiche disponibili, gli scienziati tedeschi hanno realizzato un impianto altamente flessibile al fine di diversificare la produzione. Questo metodo permette di sfruttare vari tipi di materie prime disponibili perché fornisce, oltre all’energia elettrica, anche olio, carbone vegetale ed altri elementi che possono essere impiegati come idrocarburi.

La forza della biobatteria risiede nel suo essere modulare e perché fondata su tecnologie eco-compatibili.

Attraverso il web è possibile scoprire nel dettaglio il funzionamento:

Le materie prime passano prima in un ambiente sottovuoto, dove vengono sottoposte a un processo di rotazione continua e sminuzzate. In seguito a un procedimento di surriscaldamento, si ottengono carbone vegetale e gas volatili. Quest’ultimi vengono ulteriormente riscaldati e poi raffreddati. Nel corso del processo si condensano in un liquido, che contiene acqua e olio vegetale. I ricercatori separano quindi l’olio di alta qualità per riutilizzarlo, mentre il gas che ne risulta viene purificato e stoccato.

Ciò che deriva da questo processo può essere utilizzato in molteplici modi: olio per carburante aereo oppure il gas utilizzato per l’energia elettrica termica.

Con la biobatteria, i rifiuti organici si trasformano in preziose risorse.