fbpx

Dislessia nei bambini, cosa fare

La dislessia è un disturbo specifico di apprendimento tra i più comuni, ma cosa fare con i bambini che ne soffrono? I primi segnali saltano fuori nei primi mesi di vita scolare del piccolo quando, alle prese con la scoperta dell’alfabeto, della lettura e della scrittura, incontra le prime difficoltà. Così come per tutti i disturbi specifici di apprendimento (dsa) la cosa fondamentale è non sottovalutare il problema e anzi, fare incontrare subito il bambino con un esperto che possa mettere in moto una strategia efficace per aiutarlo.

dislessia cosa fare

Ogni percorso terapeutico infatti è a sé e deve essere personalizzato in base alle caratteristiche del bambino. Le linee guida in materia di terapia per i bambini dislessici prevedono due itinerari da portare avanti parallelamente. Il primo è relativo alle competenze di base siano essere percettive, motorie e fonologiche; il secondo invece è un percorso specifico basato sulla lettura, dato che i bambini dislessici incontrano molta difficoltà proprio in questo ambito.

DISLESSIA, CAUSE E PRINCIPALI SEGNALI

Mentre il primo tipo di percorso aiuta a ridurre qualsiasi genere di lacuna riscontrata nelle capacità di base, il secondo è in grado di dare un supporto concreto al bambino che si approccia alla lettura, rendendola più fluida e “normale”. ma ci sono anche tanti altri approcci che possono aiutare ed è importante valutare i bimbi di caso in caso per mettere a punto la strategia migliore. Ad oggi non ci sono farmaci che siano in grado di poter aiutare i bambini a superare la dislessia; si pu solo intervenire concretamente con una serie di terapie volte a migliorare la situazione.