fbpx

Come coltivare la curcuma in casa

curcuma

Per poter coltivare la curcuma in casa occorre procurarsi:

  • rizoma di curcuma;
  • vaso;
  • terra e concime.

Il rizoma di curcuma è facilmente trovabile nei negozi di prodotti biologici oppure nei vivai.

La curcuma non tollera le temperature al di sotto dei 12°-15° C ma anzi preferisce quelle comprese tra i 20° e i 35° C.

Gli esperti consigliano che se si decide di coltivarla in vaso è bene lasciarla all’aria aperta durante la stagione calda e metterla al riparo durante i mesi invernali.

Molta importanza è data al luogo di posizione: deve essere luminoso ma non direttamente sotto i raggi solari. Il terreno deve essere ben drenato e leggermente acido, utilizzando un misto di torba, terriccio da giardino e sabbia.

Non interrare eccessivamente il rizoma e lasciare la parte superiore esposta all’aria. Annaffiare quando si iniziano ad intravedere i primi germogli.

Il periodo migliore per piantare la curcuma è la primavera, in modo che la pianta possa sfruttare la stagione calda per sviluppare.

In inverno la pianta smette di germogliare e si secca. Questo aspetto non deve spaventare perché si può sfruttare quel momento per raccogliere la curcuma.

Grazie a delle dovute attenzioni la pianta in genere non viene attaccata da insetti e parassiti. L’importante è che il terreno sia ricco e per fare ciò è bene aggiungere del compost nel terriccio quando si rinvasa.

Un altro aspetto da non dimenticare è il fatto che la curcuma non va potata ma è sufficiente eliminare le parti danneggiate o secche.