fbpx

Chi è il perito agrario laureato

Il perito agrario laureato è colui che, non solo ha superato l’esame di Stato per la professione, ma è anche in possesso di un titolo successivo, ottenuto dopo una ulteriore specializzazione post diploma.

perito agrario competenze

I titoli possono essere o una laurea o un diploma cosiddetto universitario: insomma un perito agrario laureato è colui che, dopo la scuola, ha deciso di approfondire ulteriormente i suoi studi magari specializzandosi in un ramo ben preciso. Quello agrario infatti è un mondo piuttosto ampio che comprende varie sezioni. A scuola si insegna un po’ di tutto cercando di fornire quante più basi possibili agli allievi ma sono gli studi successivi a dare la possibilità di specializzarsi davvero in un settore. Il perito agrario laureato può avere ottenuto una laurea, comprensiva anche di un tirocinio di sei mesi, nelle seguenti classi: biotecnologie, urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale, ingegneria civile e ambientale,  scienze dell’economia e della gestione aziendale, scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali, scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura, scienze e tecnologie zootecniche e delle produzioni animali.

? LE COMPETENZE TECNICHE DI UN PERITO AGRARIO

Oppure, per essere considerato perito agrario laureato, lo studente deve intraprendere un percorso che lo porti a studiare una delle seguenti materie: biotecnologie agro-industriali, economia e amministrazione delle imprese agricole, economia del sistema agroalimentare e dell’ambiente, gestione tecnica e amministrativa in agricoltura, produzioni animali, produzioni vegetali, tecniche forestali e tecnologie del legno, viticoltura ed enologia. Per esercitare l’attività professionale di perito agrario laureato è necessario essere iscritti all’albo professionale dei periti agrari.

Foto | Thinkstock