fbpx

Agricoltura, slittano aiuti agli agricoltori con il decreto milleproroghe

Slittano aiuti agli agricoltori con il decreto milleproroghe ed è bufera. La nuova scaenza è fissata per gennaio 2018, quindi occorrerà attendere quasi un altro anno prima di ricevere sostegno.

E, come si può immaginare, non sono certo felici gli agricoltori che a causa del maltempo lavorano con sempre maggiore difficoltà. Il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera ha rilasciato alcune dichiarazione incalzato sulla vicenda:

AGRICOLTURA, NEL 2015 IL SUD IN GRANDE CRESCITA

Ad ogni nuova alluvione o disastro dovute alle avverse condizioni meteo, siamo costretti alla conta dei danni nei campi nonché alla stessa tiritera. I territori colpiti dalle calamità chiedono sostegno e aiuto, il Fondo di Solidarietà Nazionale è vuoto per volontà politica dei governi che si sono succeduti negli ultimi decenni e si è costretti, in casi estremi, a fare decreti in deroga per poter stanziare soldi. Al contempo, si continuano ad invitare gli imprenditori agricoli a stipulare assicurazioni per danni ma poi non si redigono i decreti necessari per il piano di gestione del rischio così come previsto anche dalla risoluzione sul PSRN (Piano di Sviluppo Rurale Nazionale) approvata a Montecitorio. Insomma, come sempre si preferisce il caos a delle risposte chiare e concrete per i nostri agricoltori. Serve giungere quanto prima a decisioni normative in grado di migliorare e potenziare le azioni di sostegno al reddito, anche attraverso l’attivazione dei fondi di mutualizzazione mirati a coprire i risarcimenti per le perdite causate da avversità atmosferiche, fitopatie ed infestazioni parassitarie, poco appetibili per le compagnie assicurative

Foto | Thinkstock